Meglio investire nel corpo macchina o negli obiettivi?

Meglio investire nel corpo macchina o negli obiettivi?

cambiare corpo macchina oppure obbiettivi

Per rispondere a questa e altre domande su reflex e obiettivi, ti consiglio la mia guida, un ebook in PDF che trovi a questa pagina: conoscere e scegliere reflex e obiettivi. Risolverà (quasi) tutti i tuoi dubbi sulla scelta e l’acquisto di macchina fotografiche e ottiche.

Quante volte avete letto o posto una domanda come quella nel titolo? La fotografia reflex digitale è una passione costosa e per questo, soprattutto se essa non è il nostro lavoro, ci troviamo spesso a dover dipanare dilemmi simili.

Le discussioni sull’equipaggiamento da acquistare affollano il Web (a mio parere, anche troppo) e, mentre talvolta si tratta di questioni di lana caprina, in certi casi risposte quasi oggettive possono essere trovate. A mio parere, (e non solo mio, ovviamente) al dubbio se sia meglio investire i propri soldi in un corpo macchina migliore o nella qualità degli obiettivi, si può rispondere propendendo per questi ultimi. In questo articolo proverò a spiegarvi perché.

Il problema

Tutti i produttori di fotocamere reflex digitali hanno in catalogo corpi macchina per tutte le tasche e per tutte le esigenze. Si va dai prodotti più amatoriali, acquistabili per poche centinaia di euro a quelli super professionali che non costano meno di 5000€. Allo stesso modo, infinite sono le possibili scelte quando si considerano gli obiettivi. Anche rimanendo all’interno dello stesso intervallo di lunghezze focali, le opzioni includono sempre obiettivi economici, quindi più amatoriali, ed obiettivi molto costosi “da professionisti”.

Il problema nasce, ovviamente e tristemente, dal budget che per tutti è sempre limitato. Quando siamo in procinto di acquistare la nostra prima reflex, dobbiamo comprare sia il corpo macchina che l’obiettivo e vogliamo essere sicuri di comprare un prodotto buono per cominciare ma che abbia prestazioni all’altezza anche quando saremo più esperti (o meno principianti, a seconda dei punti di vista). Se invece possediamo già una reflex ed un’eventuale corredo di obiettivi, coviamo sempre il dubbio se passare ad un nuovo corpo macchina potrebbe migliorare le nostre fotografie e puntiamo continuamente ad accrescere anche il nostro parco obiettivi, per aprirci nuove possibilità creative. In entrambi i casi, dovremo fare i conti con il nostro portafogli e spesso ciò vorrà dire escludere una delle due opzioni: dovremo scegliere tra un corpo macchina o un obiettivo.

Benedetto progresso

L’inarrestabile e rapido progresso tecnologico nel campo della fotografia digitale è sicuramente la causa principale di queste difficoltà. Ma, a mio parere ci aiuta anche a superarle.

Infatti, le reflex di fascia medio bassa prodotte in tempi recenti, diciamo negli ultimi due anni, offrono possibilità che vanno ben oltre le necessità dei fotografi principianti ma anche di molti fotografi amatoriali con un po’ di esperienza. Perciò, può essere molto facile “accontentarsi” di un corpo macchina non professionale e continuare ad usarlo per lungo tempo prima di avere la necessità inderogabile di sostituirlo.

Un corpo macchina di fascia superiore ha sicuramente dei vantaggi misurabili, ad esempio:

  • migliori prestazioni ad alti valori di ISO,
  • un maggior numero di scatti secondo,
  • un mirino più grande,
  • un numero maggiore di punti autofocus
  • un corpo più resistente,
  • ecc.

Tutti questi punti, però, spesso, a meno di esigenze molto particolari, non comportano un evidente miglioramento delle foto che scattiamo e non aggiungono possibilità creative, ovvero difficilmente cambiando corpo macchina potremo scattare fotografie che prima c’erano precluse.

Meglio un obiettivo costoso su un corpo macchina economico

In più occasioni, su questo blog, ho sostenuto che gli obiettivi di terze parti, quindi più economici, possono essere degli ottimi affari, riferendomi al rapporto qualità prezzo: il prezzo è molto più basso degli obiettivi di marca ma la qualità non è altrettanto inferiore. Questo non vuol dire però che quando si spendono molti soldi per un obiettivo di fascia alta la qualità delle immagini non migliori. Un buon obiettivo, infatti, comporta diversi effetti benefici sulle foto:

  • maggiore contrasto,
  • maggiore nitidezza, quindi più accuratezza nei dettagli,
  • minori aberrazioni cromatiche (ci sono delle distorsioni dei colori),
  • colori più vividi e fedeli alla realtà.

Questi fattori sono cruciali, sono tutte caratteristiche che rendono l’aspetto della foto molto più professionale. Alcuni di essi possono essere migliorati in post produzione, ma questo comporta una grossa perdita di tempo. Inoltre, richiede di essere abili anche nell’elaborazione delle foto.

Gli obiettivi di fascia alta comportano spesso altri numerosi vantaggi (come abbiamo visto nell’articolo sulle caratteristiche avanzate degli obiettivi):

  • motore autofocus sensibilmente più veloce e più silenzioso,
  • stabilizzazione più efficace,
  • qualità costruttiva migliore ,
  • maggiore luminosità, grazie ad un’apertura massima più ampia.

Da non dimenticare, inoltre, che i corpi macchina vengono frequentemente sostituiti dai loro successori e quindi il loro valore decresce velocemente nel tempo. Al, contrario, a meno di scellerate decisioni da parte delle case produttrici, molti modelli di obiettivi continuano ad essere compatibili con le nove fotocamere e le loro qualità ottiche non peggiorano nel tempo.

A supporto di questa tesi ho trovato molto interessante, oltre che divertente, un video pubblicato da DigitalRev, in cui si affronta il quesito simbolico se sia meglio un obiettivo professionale su una fotocamera economica o viceversa. Se non riuscite a seguire l’inglese, il video è comunque utile per gli esempi di fotografie che confronta. Se invece capite l’inglese, meglio per voi, potrete apprezzare lo humour nascosto in ogni frase. Vi consiglio di guardarlo alla massima risoluzione disponibile.

[youtube]hk5IMmEDWH4[/youtube]

A ciascuno il suo

Rimane comunque sempre vero che ciascuno deve valutare gli acquisti in base alle proprie esigenze e al proprio stile fotografico. Chi è agli inizi può non conoscere quali saranno le sue esigenze né quale sarà il suo stile. In questo caso, io consiglierei di privilegiare sempre gli obiettivi. Chi invece ha un po’ di esperienza, potrebbe essersi accorto di avere alcune necessità particolari. Ad esempio, un fotografo sportivo potrebbe aver bisogno di una fotocamera in grado di effettuare molti scatti al secondo e questo è permesso solo delle fotocamere professionali o semiprofessionali.

Spesso questo argomento è molto dibattuto, qual è la vostra opinione a riguardo? Fatemelo sapere inserendo un commento.

Condividi:

Corso 
gratuito 
di fotografia

Ricevi il nostro corso via mail!

Sei un Fotografo Professionista?

Abbiamo appena aperto le porte di FotoImprenditore, un progetto dedicato ai fotografi, NON per imparare a fotografare ma per promuoversi online ed acquisire clienti.

Fotografo Professionista